Istantanee, 4 racconti dal vero di Alessia Marinoni

A partire dal 17 di novembre, per due settimane, vi presenteremo quattro brevi racconti – in uscita rispettivamente il martedì e il giovedì – tratti dalla raccolta Istantanee – Snapshots, redatti da Alessia Marinoni e disponibili sia in versione originale italiana che in versione tradotta in inglese. Di seguito una prefazione della stessa autrice.

L’idea del progetto Istantanee (o Snaphots, nel suo titolo in inglese) nasce dal voler creare una serie di articoli di non-fiction che racchiudessero quattro storie all’apparenza molto diverse fra loro ma con un filo conduttore inaspettatamente comune: le incessanti ricerche che ognuno di loro porta avanti nel quotidiano per colmare alcune mancanze di diverso tipo, danno i loro frutti solo quando si è disposti ad aggiustare il tiro. In quel momento, ognuno dei personaggi di Istantanee riesce a trovare ciò che davvero gli mancava da tempo. Uno cercava l’amore e invece ha trovato un po’ di serenità nel perdono di se stesso. Un’altra cercava un modo per diventare grande in fretta ma ha scoperto che solo con molta pazienza avrebbe trovato risposta alle sue domande. Il terzo, poi, cercava un lavoro che riempisse la propria vita ma, con il tempo, ha capito che la sua vita era già piena. L’ultimo, invece, cercava solo un cinema per evadere dalla realtà e, invece, ha trovato un amico in un ambiente che inizialmente gli sembrava tanto ostile.

I protagonisti di Istantanee sono quattro persone reali (seppur con nomi totalmente fittizi) dalla storia delle quali ho ripreso uno spaccato di vita che mi è stato raccontato direttamente oppure che ho ripescato da un cassetto di ricordi custoditi gelosamente.

Sono certa che lo stesso filo conduttore che ho cercato di mantenere costante nei miei quattro racconti sia presente anche nelle vite di molti lettori, a volte ben visibili mentre altre più nascosto. È proprio quel filo che collega le esperienze di chi legge e di chi scrive e, proprio nell’ottica di scovare queste corrispondenze e di renderle accessibili a quanti più lettori possibili, ho tradotto i miei racconti in inglese.

Alessia Marinoni

Mi chiamo Alessia Marinoni, sono nata una mattina d’estate di venticinque anni fa nell’hinterland milanese e sono una studentessa di mediazione linguistica. Già da qualche anno a questa parte, Bologna mi ha adottata diventando la mia seconda casa e dandomi l’opportunità di fare esperienze del tutto nuove come condividere una casa con altre cinque persone della mia età e dedicarmi alle attività che amo: la scrittura e la traduzione. Mi piace ascoltare ciò che gli altri hanno da condividere e ponderare le diverse sfumature che possono assumere le parole in contesti diversi fra loro, anche a livello culturale. Per questo, in un futuro non molto lontano, mi piacerebbe fondere quante più attività possibili fra ascolto, traduzione e scrittura e farne un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.