Il 20 maggio in isolamento – mi diario de cuarentena.

Iniziamo il diario di oggi con la testimonianza di Hassan Bachir e la sua storia di amore e solidarietà. Continuiamo, come al solito, con il diario di Hamudi che ci racconta del 20 di maggio, una data speciale per il popolo saharawi e per il Fronte Polisario.

Leggi tutto

Sembra che i giorni non siano più gli stessi – mi diario de cuarentena

Sembra che i giorni non siano più gli stessi, è vero che siamo chiusi tra quattro mura, ma le nostre menti possono viaggiare e conoscere altri mondi attraverso l’arte, la musica e il cinema…

Leggi tutto

I figli delle nuvole – podcast

Ascolta questo podcast per scoprire anche tu questo popolo meraviglioso, capace di riflettere una purezza ed una semplicità tanto disarmanti quanto emozionanti. Buon ascolto!

Leggi tutto

Il caso numero 15 a Tindouf e il 10 Maggio dei saharawi – mi diario de cuarentena

I saharawi sono conosciuti per essere un popolo paziente, siccome aspettiamo da più di 45 anni la nostra libertà: siamo i figli delle nuvole.

Leggi tutto

Il giorno in cui il nemico è arrivato molto vicino – mi diario de cuarentena

Oggi il nemico è alle porte e il diario di Hamudi si tinge di tristezza e paura.
Continua il racconto della quarantena vista dai campi saharawi. In una situazione sospesa ed estenuata dal lungo esilio e da una apartheid silenziosa il grido di questo popolo è sempre più soffocato dalla attuale situazione di pandemia. Speriamo che questo diario possa arrivare a sempre più persone e che il popolo saharawi possa essere sempre meno solo in questa battaglia.

Leggi tutto

Ramadan e quarantena – la quarantena nei campi saharawi

“Sembra un funerale, il silenzio sta riempiendo de strade di Smara, si muove liberamente senza il permesso di nessuno.”
Continuiamo a pubblicare il diario di Hamudi, attraverso la sua testimonianza ci arriva il racconto della quarantena nei campi profughi saharawi.
Provate ad immaginare di non avere internet veloce, provate ad immaginare per molto del tempo di non averlo proprio. Immaginate di non avere acqua corrente, di non avere economia, sanità, di avere l’energia elettrica razionata, il cibo razionato, di non avere auto, mezzi pubblici, strade asfaltate, medicinali… provate ad immaginare tutto questo in quarantena, pensate che è appena cominciato il Ramadan.
I Saharawi, popolo con una storia e una cultura a cui siamo profondamente affezionati, stanno vivendo esattamente così questi giorni di isolamento.

Leggi tutto

Nostalgia al tempo del Corona – la quarantena nei campi saharawi

Si sono chiuse tutte le porte fra noi e loro. Anche se ho vissuto l’esperienza della separazione, come tutti i membri del popolo saharawi, non ho mai pensato che saremmo arrivati a chiudere le porte a tal punto… I saharawi vivono segregati da 45 anni, per loro questa è una quarantena nella quarantena.

Leggi tutto

Inshallah vuol dire Inshallah

Dalla semplicità delle storie, nei ritmi spezzati dal caldo o dal vento, dal freddo o dalla sabbia, sul suono di un saluto così lungo che sembra un canto, abbiamo steso un filo che si dipana da Ravenna alle tende e le case di questi campi e che ancora una volta ci porterà a domani… in šāʾ Allāh – إن شاء اللّه.

Leggi tutto

La passione non ha bisogno di te…

Alda Merini diceva “Chi si nasconde nella tenerezza non conosce il fuoco della passione.” ed è proprio “Passione” il titolo del terzo capitolo di Ravenna Saharawi andata e ritorno. Se ci si lascia trasportare dalla tenerezza, guardando queste immagini, il rischio è che si crei l’ennesima scatola vuota e che si perda di vista lo sforzo, la sofferenza, l’urgenza, la passione enorme che ci vuole per fare qualcosa in cui si crede, qualcosa per gli altri, qualcosa che faccia di noi stessi una persona migliore!

Leggi tutto

Il tempo non è denaro.

Lento, veloce, tiranno, amico, nemico, perso… Il Tempo!
Il secondo capitolo del nostro viaggio scorre con il ritmo asincrono di due mondi che assorbono e vivono il tempo in maniera diametralmente opposta: cosa ne verrà fuori?

Leggi tutto